Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /homepages/44/d732223760/htdocs/liguriadiconfine/wp-content/themes/Divi/includes/builder/functions.php on line 5753
COLDIRODI | Liguria di confine

COLDIRODI IM

                              Fotografie di Buonsignore Pietro.

coldirodi im

             Oggi Vi ho portato a Coldirodi,  frazione del comune di San Remo.   Questa frazione vanta un clima eccellente in quanto sita sul crinale della collina confinando con San Remo e Ospedaletti, luoghi rinomati per la loro temperatura apprezzati da anziani nel periodo invernale.

               Coldirodi , ebbe già dal IX secolo , diverse peripezie di dominio, fino a che nel 1956 venne decretata  l’aggregazione con il comune di Sanremo.

     Sotto vediamo raffigurati alcuni stemmi dipinti sul muro , che ricordano in diverse immagini, eventi e luoghi del paese.

        Entrando nel vivo del paese, veniamo subito a contatto con queste varie costruzioni di diverse epoche, ecco una  targa  a ricordo di tanti nuclei famigliari, che unendosi costruirono un castello per difendersi da attacchi dei  nemici .

          Dobbiamo riconoscere a questa frazione di S Remo, l’ordine e il mantenimento dei ricordi.  Qui a Coldirodi, come in tanti altri paesi della Liguria, viene protetta gelosamente la loro storia, le loro usanze che, si trasmettono di padre in figlio.  Mi riferisco anche alle piccole cose, come una pianta sulla porta di casa, una porta di una cantina dipinta e targhe a ricordo di chi prima di noi ha creato questi luoghi.Scorcio di campanile vie interne ci accompagnano nella nostra passeggiata.

 

Come detto precedentemente ecco le targhe che troviamo nelle strade del paese.

 

                  Possiamo ammirare da Coldirodi, lo spettacolo che appare guardandoci intorno, il mare , siamo appunto sulle alture di S Remo e fra un pino e l’altro ci godiamo lo spettacolo.

Ecco nella piazza la chiesa Parrocchiale di San Sebastiano Martire di Coldirodi, dove il sole rende i suoi colori caldi che non possiamo fare altro che ammirare.   Anche l’oratorio di Sant’Anna, che con la sua facciata a strisce e i due campanili attirano la nostra attenzione,mentre in una stradina in discesa, un cartello ci fa notare che a pochi metri troveremo il Museo Civico   Villa Luca e la pinacoteca Rambaldi .

            Ecco la via che ci ha condotto in questo paese,in parte con case antiche in pietra ,  riadattate e con case di epoca moderna con negozi e altro, notiamo anche la statua relativa ai caduti in guerra, raffigurante  un soldato che controlla il paese e strade e vicoli in stile, che salgono e scendono con pendenze notevoli che mettono a prova il nostro passeggiare .

     Questi vicoli risistemati negli ultimi anni mantenendo le caratteristiche paesane che si intrecciano uno con l’altro, sotto volte che mantengono la storia del paese.

        Ora ritorniamo sulla strada principale che ci ha condotto nella parte antica del paese, da qui possiamo notare il mare di un colore bellissimo.

 

     Ecco raggiunto il bivio dove possiamo scegliere una nuova destinazione.  La speranza di aver soddisfatto la vostra curiosità e augurandomi di essere  stato utile, Vi saluto e vi auguro buon soggiorno nella nostra bella Liguria.

Pin It on Pinterest

Share This