Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /homepages/44/d732223760/htdocs/liguriadiconfine/wp-content/themes/Divi/includes/builder/functions.php on line 5753
FANGHETTO IM | Liguria di confine

FANGHETTO  IM    Comune San Michele

                       Fotografie   di  Pietro  Buonsignore

Fanghetto IM

Un saluto a tutti, oggi, armiamoci di buona volontà,e raggiungiamo una frazione piccola , dal nome un po strano, trattasi di “FANGHETTO ” , comune di Olivetta San Michele.

Transitando sulla statale che porta al Colle di Tenda, troviamo sulla nostra destra una stradina, che dal classico traffico automobilistico, in pochi minuti ci porta su un ponte che attraversa il fiume Roya.

Soffermiamoci un attimo su questo ponte, e ammiriamo come potrete vedere dalle foto, lo splendore della roccia, l’acqua che scorre,mentre, grandi alberi , sembrano soldati che controllano il passaggio sul ponte.

Il Roya, scavato nella roccia, con il suo letto ripido , dove sopra pini ed olivi fanno ombra e seguono la scia dell’acqua, che scorre fino al mare,giù alla foce a Ventimiglia.

Ecco che entriamo nel paese, da subito notiamo il campanile che domina dall’alto,a lato stradine ripide, con scalini alti ci portano su per il paese,mentre oltrepassando questo arco,ci troviamo nella piazza principale ” Piazza del Popolo “

    Per accedere alla piazza del Popolo, bisogna transitare, sempre a piedi, sotto questa arco, dove  alla sua base è stata costruita in pietra, una vasca per l’acqua.

La stessa, veniva restaurata a sue spese, dal signor Trucchi nel lontano 1897 , come sempre lo stesso benefattore fece restaurare anche la Chiesa del paese ,nel  1915 .Come da targa in marmo affissa alla parete.

Eccovi un’altra meraviglia della storia del nostro passato, come queste costruzioni in pietra con archi e scale,   ” Il Forno del paese ” sistemato all’aperto e al riparo dalla pioggia con accanto un lavatoio veniva usato dai nostri avi.

La storia di questi paesi ci narra la solidarietà che esisteva fra i paesani, ogni qualvolta si accendeva il forno, tutti portavano il proprio pane per la cottura,e nell’attesa di ciò,si scambiavano notizie e pettegolezzi del luogo.

Il portone della Chiesa, in legno lavorato, ci fa capire che risale a molti anni fa,le salite delle strade che arrampicano notevolmente, con case qua e la restaurate e utilizzate sopratutto nel periodo estivo dove specialmente stranieri , le raggiungono come punto d’appoggio in Italia, per riposare e visitare i dintorni.

                              La parte più in alto del paese, ci mostra i percorsi ancora come erano anni fa, dove per raggiungere la propria casa ci si  doveva arrampicare su queste mulattiere,e residui di abitazioni con i loro archi ci fanno incantare e sognare questi posti tranquilli dove l’uomo può trascorrere bellissime giornate.

  Lo spettacolo non è solo nel guardare queste stradine che salgono e scendono per il paese,impreziosite da piante archi di scale che attraversano i viali, ma anche lo spettacolo che ci riserva allungando lo sguardo verso i monti che ripidi ci fanno notare la loro forza.

    La passeggiata è finita, Fanghetto , piccola frazione  piena di ricordi, e di storie da raccontare,rimane un ricordo, ci allontaniamo a piedi scendendo verso il ponte, che raggiunto troviamo la nostra auto che percorrendo la statale 20 ci riporta verso il mare, verso Ventimiglia.

   Ci auguriamo che presto verrai a fare una visita a questi luoghi e potrai tu stesso verificare quello che ti ho raccontato con tutto il cuore per la nostra bella Liguria le sue bellezze ricordi e avventure.    Ciao ti aspettiamo.

Pin It on Pinterest

Share This