Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /homepages/44/d732223760/htdocs/liguriadiconfine/wp-content/themes/Divi/includes/builder/functions.php on line 5753
Ventimiglia Vecchia | Liguria di confine

Ventimiglia Vecchia

o Ventimiglia Alta

Fotografie di Pietro Buonsignore

ventimiglia vecchia

            Oggi visitiamo la città di Ventimiglia, ma non quella che tutti conoscono sul livello del mare, ma la parte storica, la parte vecchia,che per raggiungerla, basta attraversare il fiume Roya, e alzando gli occhi, la ritroviamo orgogliosa e curiosa e ci attrae, salendo per le vie pedonali ripide, o dal lato mare salendo con la nostra auto fino a trovare una delle porte che la proteggevano dagli invasori nei secoli scorsi.

 

 

 

 

  Parcheggiata la nostra auto, lasciandoci lo spettacolo marino alle nostre spalle, ci troviamo davanti a questa porta che attraversandola inizierà la nostra gita fra vie e luoghi storici.

h

Strada pedonale lato mare per raggiungere la parte vecchia della città, appena entrati dalla grande porta ci giriamo per ammirare la sua grandezza e la sua forza, creata per resistere al nemico . Dobbiamo considerare che Ventimiglia, è la prima città al confine con la Francia,e con il mare da dove il nemico poteva raggiungerci facilmente.

 

Proseguendo per la via principale del centro,troviamo case in pietra,che si alternano fra vie traverse e botteghe , bar, a lato un edificio particolare di immensa bellezza e di grande cultura religiosa, trattasi dell’Oratorio dei Neri, aperto al pubblico al fine di ammirare in tutto il suo fascino , quanto questa parte della città custodisce con cura.

         Entrando nell’oratorio troviamo il Cristo sdraiato su una barella, trattasi di una statua particolare, snodata,anche l’Oratorio di San Giovanni Battista che , rivolto verso il mare ci conduce in una piazza per poter ammirare l’orizzonte.

Ora , raggiunto la fine della via costeggiante l’Oratorio di San Giovanni, veniamo a contatto con un albero di pino, che sembra che con le sue braccia aperte, ci trattenga dallo sporgerci per ammirare il mare, mentre a lato possiamo vedere la foce del fiume Roya, che sfocia nel mare.

 

Si è fatto tardi, ritorniamo sui nostri passi, usciamo nuovamente dalla porta alta della città, e scendendo a piedi fra il verde che ci protegge dal sole, raggiungiamo la nostra auto per ritornare a casa.

 

Qui purtroppo dobbiamo lasciarci, ma con un po di malinconia,sperando che quando ci verrete a trovare, dopo aver ammirato questa parte della città, ci farete avere conferma del nostro operato.

Come sempre per ulteriori informazioni, consultate cliccando su : sito ufficiale

Pin It on Pinterest

Share This